Giorni piovosi a Catania – Diario di bordo

Giorni piovosi a Catania – Diario di bordo

Aquarius Lunedì 26.09.2016

Alle 19:00 di Lunedi sera la Aquarius ha lasciato il porto di Catania. Ci sono stati grandi cambiamenti nelle nostre squadre. SOSMEDITERRANEE ha dei nuovi volontari per la squadra di Ricerca e Salvataggio e anche MSF ha avuto dei cambi. Pure l’equipaggio della nave ha alcune facce nuove.

Anche la Aquarius ha fatto una sorta di lifting. Abbiamo costruito una nuova area – rifugio sul ponte posteriore. Una costruzione di metallo robusto che sarà coperta con una tela cerata resistente. Questo rifugio proteggerà le persone soccorse a bordo della Aquarius in modo migliore rispetto a prima. La struttura è necessaria, perché ci prepariamo per la stagione autunnale e invernale. Il clima cambierà e le condizioni a bordo durante la navigazione di ritorno al porto per i migranti saranno diverse.

Anche le nostre imbarcazioni di salvataggio hanno ricevuto migliorie. La nostra RHIB, che è la barca di salvataggio più piccola, ha un nuovo motore. Il nostro team ha trascorso diverse ore durante il fine settimana a regolare e far funzionare il nuovo motore.

Dopo molte giornate di sole e caldo abbiamo fatto l’esperienza della pioggia per la prima volta da un po’. Sono stati giorni piovosi a Catania e, probabilmente, questo è stato un primo accenno di ciò che ci aspetterà nelle prossime settimane sul Mar Mediterraneo: più vento, più nubi, più pioggia.

“SOSMEDITERRANEE è un’organizzazione giovane e molto efficiente”, spiega il coordinatore della squadra di Ricerca e Salvataggio, Yohann Muchieri. “Impariamo ogni giorno e ogni giorno miglioriamo. Come vedi, ora sulla Aquarius c’è una nuova area – rifugio, durante le ultime settimane abbiamo allestito un riparo dal sole. Adesso perfezioniamo il nostro equipaggiamento personale, organizziamo l’abbigliamento professionale di protezione per i prossimi mesi. ”

La Aquarius è una delle poche navi di soccorso che operano nella zona che è in grado di lavorare anche durante il periodo autunnale e invernale. La nostra nave è stata in tutto il mondo in passato e ha lavorato anche in Antartide. La vecchia signora Aquarius è pronta a continuare il suo lavoro anche in avverse condizioni atmosferiche.

Ora siamo già di nuovo sul mare da quasi 13 ore. Tutti a bordo hanno fatto una buona dormita e sono pronti ad arrivare nella zona di salvataggio a nord della Libia mercoledì mattina presto. I nuovi giornalisti a bordo sono eccitati e cercano di orientarsi sulla nostra nave lunga 77 metri. Una squadra produrrà un film di alta qualità che deve essere presentato nell’ambito di diversi festival cinematografici. Hanno già coperto l’argomento “rifugiati” in più di 15 Paesi.

“Siamo qui per girare un filmato veramente lungo. Si tratta di una produzione di fascia alta, puoi paragonarla a una produzione cinematografica.” Dice il cameraman cinese Zhenwei Xie. Ha già fatto alcuni bozzetti del tipo di video-riprese dettagliate che vuole produrre. “Abbiamo coperto tanti Paesi e parlato con tanti rifugiati. Abbiamo già moltissimi minuti di riprese. Ora siamo molto interessati a ciò che sta accadendo nel Mediterraneo e a come lavora SOSMEDITERRANEE insieme con MSF. ”

La prima mattina sul mare ci accoglie con quello di cui sentivamo la mancanza: il sole. Una luminosa mattina di sole con soltanto qualche nuvola e onde piccole.

Le giornate piovose di Catania sono finite e l’Aquarius è a sole 150 miglia di distanza dalla nostra area di salvataggio a nord della Libia.

Testo: René Schulthoff

Traduzione: Barbara Amodeo

Photo Credits: Fabian Mondl/SOS MEDITERRANEE

L’associazione SOS MEDITERRANEE è interamente finanziata dalla popolazione solidale a livello globale, dall’appoggio della società civile europea!

Continuate a sostenerci! Abbiamo bisogno di tutti voi!

DONA ORA